Conservativa è la branca dell’odontoiatria che si occupa di eliminare la carie e provvedere a restaurare il dente con differenti ricostruzioni dipendenti dalla dimensione e gravità della lesione cariosa. La carie si forma potenzialmente su tutta la superficie dentale quando i prodotti del metabolismo degli zuccheri da parte dei batteri attaccano lo smalto “disgregandolo”. Così si apre una porta di ingresso alla parte interna del dente, la dentina, con l’inizio di un processo distruttivo del dente intero che rischia di rompersi o di provocare dolore quando la carie arriva in prossimità del nervo.
Dopo aver rimosso la lesione cariosa i denti possono essere ricostruiti direttamente in studio tramite l’utilizzo di compositi e indirettamente tramite intarsi e/o faccette estetiche.

  • Compositi: sono dei materiali estetici ormai utilizzati di routine , vengono modellati direttamente dall’operatore in studio.
  • Intarsio: è un restauro che viene cementato sulla parte masticatoria di un dente molare o premolare, permettendo di salvaguardare la struttura dentale sana ottenendo eccellenti risultati estetici e funzionali. Il dente inizialmente viene preparato rimuovendo la parte cariata e modellato in maniera da poter alloggiare l’intarsio, viene poi rilevata un impronta per ottenere un modello sul quale costruire l’intarsio, l’ultima fase è la cementazione dell’intarsio stesso.
  • Faccette estetiche: sono dei gusci dello stesso colore dei denti naturali, che vengono cementate sui denti anteriori ricoprendone la parte frontale, vengono realizzate per correggere irregolarità dentali, rivestire denti usurati mascherare macchie permanenti o difetti dello smalto. Sono realizzate in ceramica o in resine composite ed hanno colore e lucentezza simile a quello dei denti naturali . I denti con faccette estetiche ed intarsi richiedono controlli periodici e una scrupolosa igiene orale.

Endodonzia è la disciplina che si occupa di assicurare la conservazione e l’utilizzazione del dente anche quando il tessuto pulpare è stato compromesso irreversibilmente. Il suo obiettivo è l’eliminazione completa del tessuto organico e dei tessuti infetti. Il dente devitalizzato non è un dente morto ma soltanto un dente privato di un elemento costitutivo fisiologico, ed al tempo stesso è un dente perfettamente utilizzabile per poter realizzare delle corone protesiche. La devitalizzazione consiste nell’eliminare il tessuto pulpare dalla radice del dente,nel sagomare i canali radicolari ed infine riempire i canali radicolari con un materiale sostitutivo, chiamato guttaperca, che garantisce un sigillo ermetico al livello apicale.

Our Specialists:

Sed ut perspiciatis, unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam eaque ipsa, quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt, explicabo. nemo enim ipsam voluptatem, quia voluptas sit, aspernatur aut odit.

Dr. Alex Coredero

Dental Therapist

Dr. Simona Willams

Dental Assistant

Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi. Sed ut perspiciatis, unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium.

Make an Appointment